Il terrore è quello che ci fa morire

Siamo in guerra:una guerra invisibile e spietata dove un qualsiasi fruscio , rumore e grido ci fa venire la palpitazione e vorresti non essere lì.. una guerra che solo un soldato, uomo, può spargere sangue ovunque sulla popolazione inerme, per un ideale ,una rivincita,una gloria che non capiamo ma siamo costretti ad acconsentire .non sono dell' opinione che si combatta questa guerra chiudendo le frontiere,rafforsando le forse dell' ordine, e riunirsi i potenti del mondo per discuterne. Ormai è troppo tardi,questi terroristi sono ovunque, e anche se non ve ne accorgete abitano alla porta accanto , nello stesso quartiere e rione ,ma finché non succede niente come potete individuarlo e addossarsi le colpe,se siete ancora viva. Il loro successo è proprio muoversi nell'ombra,del'incognito , invisibili, e quando agiscano fanno strage anche se sanno già in partenza che la loro vita non costa niente e sono pronti a morire, un sacrificio che è ben accetto se con se ne porta 20 e più al creatore, insomma muore ma altri né muoiono e questo a questi terroristi gli basta e avanza! Il terrore che porta dopo è enorme e tutti per un po' non vorrebbero più uscire da casa o almeno non andare in folle numerose e nei locali affollati,per non parlare dove è venuto l'attentato.La parola terrore è sinonimo di terrorismo, e non a caso la paura gioca brutti scherzi, ma dobbiamo convincerci che anche io come milioni di abitanti dicano la stessa frase STOP AL TERRORISMO non ci ascolteranno,e non perché usano un suo linguaggio , usanza, gloria,ideale, disciplina, ma per il semplice motivo che è una  guerra loro e decidono come meglio usarla e portarla avanti e per ora sono i padroni del mondo e con internet e le nuove tecnologie sono al completo. Colpa ne ha pure l' America che a portare la democrazia dove non la vogliono e dare ordini, che sono cominciati i guai ,ma poi ormai siamo troppo aperti,la globalizzazione,migliaia di razze,pensieri, usanze che minacciano questo mondo.Stiamo senza dubbio su un bivio,o continuare su questa strada e le conseguenze sono quelle di oggi,oppure rallentare e di molto la globalizzazione,avere con noi mille facce,ideologie,ragionamenti ,si essere aperti ma non troppo come oggi. Ma anche questa non può generare i frutti subito, bisogna aspettare anni prima che si veda il risultato è nel frattempo aspettiamoci il peggio, e ognuno farà gli scongiuri perché non tocchi a lui , un numero dei tanti che al telegiornale e sui giornali si sentano e si vedano.E' una guerra questa ma molto dura che non sappiamo come combatterla, e ogni parola, intuizione, fatto non basterà a fermarla almeno per i prossimi decenni. Mi piange il cuore alle tante vittime che ci sono state, il mio cordoglio e saluto a queste lo voglio fare, siete morti per un qualcosa che non capite , e vi do pienamente ragione: che il mio cuore sia con voi vi penserò sempre perché il vostro nome l'ho scolpito nelle viscere del mio tenero cuore.  Ciao!!

Post popolari in questo blog

L'IMMAGINE SUGGESTIVA DEL MIO BLOG DI QUESTO MESE ...

NEL NOVEMBRE 2010 SCRISSI:"PIOVE E SONO TRISTE" OGGI LO SONO ANCORA DI PIÙ..

UN SALTO NEL VUOTO DAL 2017 AL 2018 |MA DOPOTUTTO DOBBIAMO PROVARCI !

CARABINIERI, POLIZIA :TRA I POST E BANDIERE DI UN PASSATO BURRASCOSO E INCIVILE...

QUELLA ESASPERAZIONE DEI PIÙ POVERI E DI QUEL MONDO CHE LI CADE ADDOSSO!

QUELLA TAVOLA DI NATALE APPARECCHIATA PER I PIÙ FORTI ..GLI ALTRI DEVONO ACCONTENTARSI DI ANNUSARE!

SOLO UN PICCOLO UOMO USA VIOLENZA SULLE DONNE PER SENTIRSI GRANDE.

18 MILIONI A RISCHIO POVERTÀ| E I BENESTANTI MANGIANO!

NOI FIGLI DEGLI ANNI 70|VIDEO