LA FINESTRA SUI BLOGGER

Se i blogger negli ultimi anni hanno perso popolarità e nessuno sembra assecondarli,come comunicati stampa,del quale i giornalisti sono un po' responsabili... c'è un'altra prospettiva del quale molti usano la comunicazione come una sorta di gioco,e le"bufale in rete" ne è una dimostrazione, ma pure dare in pasto qualcosa al pubblico tanto per esserci.. più visualizzazioni e gradimento e magari tanti commenti che fanno di tutto questo una sorta di miscela esplosiva. Io mi ritengo fuori da tutto questo malgrado non mi riconosca dai miei simili in quanto ci sono prepotenti e non,ma in grado di fare danni a tutti noi onesti. Quando non c'èra internet la comunicazione e le parole erano per quattro gatti e solo nel bar , oggi si evolve a tal punto che le nostre parole valicano le frontiere fino a raggiungere l'inverosimile...ma di tutto questo aspetto lanciamo solo del marcio se ci sono blogger senza scrupoli e di quello che digitano sulla tastiera del computer o dello smartphone sono solo chiacchiere e basta!   Il blogger    intento nel dare la notizia può valutare molti aspetti,ma mai esagerare .. come esagerare quando dice: Te non sai chi sono io ,ho molto potere sullo web" che ti fa capire l'importanza che usa per esercitare un qualcosa di negativo e si ritorge contro tutti noi.. per questo si diventa impopolari e molti hanno smesso di pubblicare per questo e per un guadagno che non c'è ..."un sacrificio fare un post o un articolo,troppo lavoro  non ricompensato" . Ma quel blogger fa comodo , semmai più tardi gli si tirerà una pedata per levarselo di torno , (stilisti, moda e dintorni) con questa mentalità il povero blogger non deve fare altro che arrendersi alla circostanza col magone in gola. C'È chi piace il blogger e chi no' , chi lo attacca e chi lo difende (pochi) ma potremo farne senza?                                            

Post popolari in questo blog

LA PRINCIPESSA DEL POPOLO

NON DORMIRE SUGLI ALLORI | questo mondo illeggibile

QUEL PORCO IN CASA| Violenze sui minori

A 14 ANNI | il fatto di trovare un appoggio

ANCORA SUI GIOVANI | la speranza di non perderli