SIAMO CONTROLLATI | Da quell'occhio innocente a l'occhio malvagio

La nostra vita non è più la stessa,perche' in maniera folle tutti siamo sotto controllo e la nostra privacy non è la stessa di 20 anni fa ,spiare ed entrare nell'emotività delle persone sembra la parolina del momento e quel qualcosa di piccante si trova senz'altro per addolcire la quotidianità e avere quel senso di eccitazione fuori misura. Lo spiare e sinonimo di guardare di nascosto e non essere visto..ma finché un adolescente guarda la propria madre dal buco della serratura mentre fa la doccia o indaffarata in altre pose..(possiamo passarci sopra almeno per una volta) ma come l'adolescente può vedere altri lo possano farlo e non dal buco della serratura ma da una finestra mezza aperta; anche se nei paraggi non c'è anima viva;gli i droni  quella tecnologia che silenziosi riprendono tutto senza accorgersene di niente. Ma negli incroci di una strada,di una via e piazza,entrati in un locale e nel supermercato le telecamere ci riprendono in continuazione e perfino in autostrada... L'occhio che ci controlla è dappertutto senza parlare del satellite che ci visita quotidianamente come per salutarci. I motivi per vedere la nostra intimità e la nostra riservatezza sono cancellati poiché lo spione su di noi è dappertutto e se tossiamo tutti lo sapranno....il nostro cellulare un mezzo per sapere meglio su di noi e che intenzioni abbiamo! Sembra strano ma tra il nostro computer e il cellulare di cui non possiamo farne a meno,raccolgono gli 007 del mondo un'infinità di informazioni su di noi stessi per puoi decidere che cosa devono fare. Forse non è più un mondo libero o come ci fanno credere...e la comparsa di internet ha fatto il resto; anche se siamo vestiti bene quel nostro nudo si vede e ogni segreto sarà violato,pur senza l'approvazione Nostra!

Post popolari in questo blog

LA PRINCIPESSA DEL POPOLO

NON DORMIRE SUGLI ALLORI | questo mondo illeggibile

QUEL PORCO IN CASA| Violenze sui minori

A 14 ANNI | il fatto di trovare un appoggio

ANCORA SUI GIOVANI | la speranza di non perderli